uruknet.info
  اوروكنت.إنفو
     
    informazione dal medio oriente
    information from middle east
    المعلومات من الشرق الأوسط

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 24/07/2014 03:54 ] 10681


english italiano

  [ Subscribe our newsletter!   -   Iscriviti alla nostra newsletter! ]  




[10681]



Uruknet on Alexa


End Gaza Siege
End Gaza Siege

>

:: Segnala Uruknet agli amici. Clicka qui.
:: Invite your friends to Uruknet. Click here.




:: Segnalaci un articolo
:: Tell us of an article






Intervista a Hamid Gul: I Talebani sono il futuro

Aljazeera.net

8-20-20taliban.jpg

1 marzo 2010

Il Tenente Generale Hamid Gul è stato un comandante dell’esercito pakistano negli anni '80, e ha lavorato come direttore dell’Inter-Services Intelligence (ISI) (il servizio segreto pakistano (N.d.T.) ) dal 1987 al 1989.

Ma l’ascesa di Gul alla fama arrivò durante lo sforzo congiunto di Pakistan, Arabia Saudita e Stati Uniti per continuare a far arrivare fondi e supporto logistico ai mujahidin dell’Afghanistan, cui fu infine attribuito il merito di aver sconfitto l’esercito e le forze politiche sovietiche.

Durante l’amministrazione Bush, gli Stati Uniti cercarono di inserire Gul nella lista ONU dei terroristi internazionali, ma i loro sforzi furono bloccati dalla delegazione cinese.

Sul fronte interno, Gul è stato un aperto oppositore di Asif Ali Zardari, il presidente pakistano, e ha richiesto alla Corte Suprema di ripristinare lo stato di diritto in Pakistan.

Al Jazeera (AJ) ha intervistato Hamid Gul (HG) durante una sua breve visita a Doha.

AJ: Lei ha recentemente affermato che "in Afghanistan i Talebani sono il futuro, gli americani sono il passato" . Non le sembra un po’ forzato?

HG: Gli americani sono sconfitti. Non è necessariamente perché la loro potenza di fuoco e le loro capacità si sono indebolite, ma perché il loro stesso popolo è stanco e stufo [dell’impegno in Afghanistan]. Adesso c’è stanchezza, la fatica è la minaccia, è la cosa peggiore di cui una nazione può soffrire. Non c’è possibilità che gli americani resistano in Afghanistan.

AJ: Questo potrebbe condurre ad un rovesciamento del governo del presidente afghano Hamid Karzai?

HG: Karzai è finito. Adesso sta combattendo per la sua vita. Gli americani hanno già iniziato ad avvisarlo che per la fine di quest’anno dovrà accollarsi la responsabilità della sicurezza in Afghanistan. Ma cosa gli daranno per far questo? Niente di niente. Infatti, il numero crescente di vittime civili nelle operazioni militari sta indebolendo la posizione di Karzai.

AJ: In Afghanistan qualcuno crede che la quantità delle vittime civili abbia reso possibile la rinascita dei Talebani

HG: Non è solo questo. Mentre le vittime civili hanno certamente reso i Talebani un movimento popolare in Afghanistan – circa l’80% della popolazione li sostiene – il popolo afghano ne ha abbastanza della corruzione.

Sono stufi dell’influenza dei signori della guerra e dei baroni della droga, e della continua occupazione americana.

Se fosse stata una missione lampo – arrivare e andarsene dopo aver completato il lavoro – la situazione sarebbe stata differente. Ma gli americani non l’hanno fatto. Se avessero voluto smantellare al-Qaeda avrebbero trionfato dopo un anno, dopodichè avrebbero dovuto ritirarsi. Il fatto che siano rimasti tradisce le loro vere intenzioni in Afghanistan; questo finché non è arrivato il presidente Barack Obama e ha iniziato a parlare di ritiro.

È stato solo nel dicembre scorso che Obama ha annunciato che gli Stati Uniti si ritireranno dall’Afghanistan. Hillary Clinton ha sostenuto la stessa cosa, ma c’è una dicotomia.

Da una parte essi dicono "Non siamo qui per restare in Afghanistan", ma dall’altra inviano nuovi rinforzi, e vogliono sostenere e costituire l’esercito afghano.

Tuttavia, non danno i soldi per costituire l’esercito afghano – solo 140 milioni di dollari. Confrontate questa cifra con quanto costa agli Stati Uniti mantenere in Afghanistan un solo soldato – 1 milione di dollari per soldato all’anno. Adesso hanno circa 68.000 uomini. Solo mantenere queste truppe gli sta costando 65 miliardi di dollari. Ci sono altri 30.000 soldati americani in arrivo, così mantenere le forze in Afghanistan verrà a costare in tutto 100 miliardi di dollari all’anno.

Gli Stati Uniti sono una nazione pesantemente indebitata, quindi come potranno permetterselo? Circa il 57% degli americani – nei sondaggi – affermano che non sono d’accordo con questa guerra, e che vogliono che i loro ragazzi ritornino a casa. Gli americani non possono subire perdite, ed è questo il loro problema. Per rimediare, hanno cominciato ad ingaggiare i contractor : al momento qualcosa come 104.000 contractor si trovano in Afghanistan.

Questo che cosa vuol dire? Mercenari da usare laddove le truppe non possono essere dispiegate? Abbiamo già visto cosa hanno fatto i mercenari in Iraq. Gli americani sono sempre più propensi – perché l’esercito americano non può subire perdite – ad utilizzare mercenari, non solo originari degli Stati Uniti, ma appartenenti anche alle popolazioni locali.

Questa è una tendenza molto pericolosa, se dobbiamo credere che i mercenari possono vincere le guerre e portare avanti gli obiettivi politici del Paese. Ciò significa che chiunque abbia più denaro può impiegare più mercenari, vincere guerre, conquistare territori, ecc.

AJ: Alla luce di tutto quello che lei ha appena detto, come pensa che possa svilupparsi l’ultima offensiva degli Stati Uniti e della NATO contro i Talebani?

HG: Non funzionerà. Penso che si tratti di una montatura, ha scopi politici in America, ma non ci sono scopi politici in Afghanistan. Sostengono di proteggere la popolazione civile, ma stanno sloggiando i civili dalle loro case mentre vi sono condizioni climatiche molto dure in Afghanistan.

I venti freddi che provengono dalle steppe dell’Asia Centrale spazzano queste regioni. Quando si lanciano simili operazioni militari, la gente è inevitabilmente scacciata dalle proprie case e i campi sono abbandonati. In questa situazione, cosa stanno cercando di ottenere gli americani io non lo so.

C’è talmente tanta ambiguità riguardo ai loro obiettivi politici. Ogni conflitto militare deve avere uno scopo politico. Io non riesco ad intuire se qui ci sia una qualunque ragione politica.

AJ: Da un punto di vista strategico, il coinvolgimento del Pakistan in Afghanistan è stato visto con l’obiettivo di creare un cuscinetto, o un deterrente, per l’India. Ma adesso che il Pakistan ha un potenziale nucleare, quanto conta l’Afghanistan per Islamabad?

HG: Noi vogliamo un Afghanistan amichevole. Sappiamo che l’India ci sta mandando in rovina. I Talebani pakistani sono sostenuti dall’intelligence indiana e dal Mossad – tra parentesi – per portare avanti i loro attacchi in Pakistan. Il Mossad è molto attivo in Pakistan, e sta fornendo tutto il supporto tecnico e professionale all’intelligence indiana. Per questa ragione il Pakistan deve avere le spalle coperte – nessun paese può combattere su due fronti.

Dobbiamo avere rapporti amichevoli con l’ Afghanistan, ma questo non significa che dominiamo l’Afghanistan. Nessuno può dominare un paese che ha già sepolto due superpotenze, e la terza sta per esserlo a sua volta.

No, non è questo lo scopo che il Pakistan ha in Afghanistan.

AJ: L’incapacità di stabilizzare la situazione in Afghanistan sta avendo una ricaduta negativa sulla sicurezza del Pakistan?

HG: Sì, è proprio così. Il conflitto non è solo una conseguenza dei fallimenti del governo di Kabul – che è un governo fantoccio. La causa reale del conflitto è l’occupazione dell’Afghanistan da parte degli americani. Se loro andassero via, l’Organizzazione della Conferenza Islamica (OIC) e i paesi musulmani dovrebbero entrare in scena e fare la loro parte. Così l’Afghanistan potrà riscattarsi.

Io non credo che l’Afghanistan sarà il nuovo Vietnam per gli americani, perché hanno detto che si ritireranno. Obama è un presidente molto diretto. Nel suo discorso sullo Stato dell’Unione, penso sia stato chiaro che egli non stava affrontando il terrorismo bensì si stava concentrando su questioni interne come l’assistenza sanitaria, la disoccupazione e la riduzione del debito pubblico.

Sembra essere più concentrato sul fronte interno che non sulle relazioni internazionali. Non puoi affrontare le due faccende contemporaneamente.

AJ: Si è verificato un aumento delle violenze in Pakistan a partire dall’uscita di scena dell’ex presidente Pervez Musharraf. I Talebani pakistani minacciano città e villaggi, e ci sono tensioni tra il Partito del Popolo Pakistano (PPP) e il Muttahida Qaumi Movement (MQM) in importanti città portuali come Karachi. Di cosa avrebbe bisogno il Pakistan per stabilizzare la sua situazione interna?

HG: Bisognerebbe fare piazza pulita del caos. Lo stato di diritto deve mettere radici in Pakistan. Sfortunatamente, i più potenti tra i politici e i generali, quando viene il loro turno – o attraverso la legge marziale o attraverso la democrazia civile – vogliono dirigere il paese esclusivamente in base ai loro interessi e alle loro preferenze. Ed è qui che sbagliamo.

Le istituzioni politiche devono essere rimesse in sesto; la Corte Suprema e il Parlamento devono essere rafforzati. Attualmente, tutto il potere viene assegnato tramite il 17° emendamento della Costituzione, che fu approvato dal dittatore Musharraf nel 2003. Esso diede più poteri alla carica del presidente, e la possibilità di scavalcare la costituzione e mantenere la leadership senza rispettare le elezioni.

Asif Ali Zardari, il presidente pakistano, adesso ha questo potere e si sta rifiutando di farsi da parte. Dunque, il 17° emendamento deve essere abrogato, al Parlamento deve essere conferito più potere, lo stato di diritto deve essere imposto dalla Corte Suprema e l’esercito non deve interferire. Solo a quel punto le cose inizieranno ad andare a posto, e imboccheremo la giusta direzione.

AJ: Lei pensa che gli Stati Uniti stiano aiutando Zardari a restare al potere perché sta mostrando di cooperare nella cosiddetta guerra al terrore?

HG: Io credo che ci sia un’ambivalenza nella loro posizione, e che talvolta essi lo critichino. La stampa americana si è scagliata contro Zardari in passato, ma adesso tace. Gli americani temono il ritorno della Corte Suprema in Pakistan perché potrebbe decretare che gli attacchi degli aerei senza pilota americani rappresentano una violazione della sovranità del Paese.

AJ: Pensa che il governo sopravvivrà fino alle prossime elezioni nazionali?

HG: Il governo sopravvivrà, ma io sono quasi certo che ciò non vale per Zardari. Non voglio sembrare un veggente, ma non credo che Zardari resterà ancora molto al potere.

AJ: Negli anni passati, responsabili americani l’hanno accusata di avere stretti legami con i Talebani e con al-Qaeda. Come risponde a queste affermazioni?

HG: No, è falso, non ho simili legami. Per quanto riguarda al-Qaeda, io dico semplicemente: tirate fuori le prove dell’11 settembre. Fino ad ora non avete neppure accusato Osama bin Laden, il che significa che non avete prove schiaccianti contro di lui. La storia completa deve ancora venire fuori.

Secondo me, è tutto un trucco, un lavoro interno.

Per quanto riguarda i Talebani, io sostengo la loro causa della resistenza afghana. Gli ho offerto il mio supporto morale perché in passato ho avuto forti legami con loro. Per inciso, ho mantenuto stretti contatti con entrambe le fazioni. Molti, nel governo afghano, sono miei buoni amici.

Ma da quando i Talebani stanno rappresentando lo spirito nazionale della resistenza, ho prestato loro la mia voce. Gli americani hanno consegnato il mio nome al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per inserirmi in una lista di sanzioni e dichiararmi un terrorista internazionale. Ma non ci sono riusciti perché i cinesi sapevano bene la verità e hanno bloccato quella manovra.

Sostanzialmente, gli americani non hanno nulla contro di me. Io ho visto le accuse ed ho risposto loro tramite la stampa pakistana in lingua inglese. Ho detto che nel caso abbiano qualunque cosa contro di me, che mi processino. Ditemi cosa ho fatto di sbagliato. Ho assunto delle posizioni morali. Gli americani parlano di libertà di parola, ma a quanto sembra la mia parola li ferisce perché si oppone ai loro eccessi.

Non userò la parola "interessi" perché ciò che stanno facendo i politici americani va contro gli interessi del popolo americano. Se dico che questo è giusto e questo è sbagliato, esercito il mio diritto, e in definitiva, questo va a beneficio del popolo americano.

AJ: Ma una volta Zardari ha detto ad un giornale occidentale che lei è "un ideologo politico del terrore".

HG: In una lettera ho scritto a Zardari che sono un ideologo del jihad, che è un punto in comune tra noi due. Lui è un musulmano come me e crede nel Corano. Il terrorismo è una cosa totalmente differente. Non sostengo affatto il terrorismo, ma il jihad è un nostro diritto nel momento in cui la nazione è oppressa. Secondo la Carta delle Nazioni Unite, la resistenza nazionale per la liberazione è un diritto. E noi chiamiamo questo diritto jihad.

















Original version: Hamid Gul: Taliban is the future





:: Article nr. s10681 sent on 02-mar-2010 12:50 ECT

www.uruknet.info?p=s10681

Link: www.medarabnews.com/2010/03/01/intervista-a-hamid-gul-i-talebani-sono-il-futuro/



:: The views expressed in this article are the sole responsibility of the author and do not necessarily reflect those of this website.

The section for the comments of our readers has been closed, because of many out-of-topics.
Now you can post your own comments into our Facebook page: www.facebook.com/uruknet




:: Share this new !
Facebook Twitter
BlinkList del.icio.us
Digg Furl
Google Bookmarks ma.gnolia
Netscape Newsvine
reddit StumbleUpon
Tailrank Technorati
Windows Live Yahoo! My Web





       
[ Printable version ] | [ Send it to a friend ]


[ Contatto/Contact ] | [ Home Page ] | [Tutte le notizie/All news ]







Uruknet on Twitter




:: RSS updated to 2.0

:: English
:: Italiano



:: Uruknet for your mobile phone:
www.uruknet.mobi


Uruknet on Facebook






:: Motore di ricerca / Search Engine


uruknet
the web



:: Immagini / Pictures


Initial
Middle




The newsletter archive




L'Impero si è fermato a Bahgdad, by Valeria Poletti


Modulo per ordini




subscribe

:: Newsletter

:: Comments


Haq Agency
Haq Agency - English

Haq Agency - Arabic


AMSI
AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - English

AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - Arabic




Font size
Carattere
1 2 3





:: All events








     

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 24/07/2014 03:54 ]




Uruknet receives daily many hacking attempts. To prevent this, we have 10 websites on 6 servers in different places. So, if the website is slow or it does not answer, you can recall one of the other web sites: www.uruknet.info www.uruknet.de www.uruknet.biz www.uruknet.org.uk www.uruknet.com www.uruknet.org - www.uruknet.it www.uruknet.eu www.uruknet.net www.uruknet.web.at.it




:: This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a 'fair use' of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more info go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond 'fair use', you must obtain permission from the copyright owner.
::  We always mention the author and link the original site and page of every article.
uruknet, uruklink, iraq, uruqlink, iraq, irak, irakeno, iraqui, uruk, uruqlink, saddam hussein, baghdad, mesopotamia, babilonia, uday, qusay, udai, qusai,hussein, feddayn, fedayn saddam, mujaheddin, mojahidin, tarek aziz, chalabi, iraqui, baath, ba'ht, Aljazira, aljazeera, Iraq, Saddam Hussein, Palestina, Sharon, Israele, Nasser, ahram, hayat, sharq awsat, iraqwar,irakwar All pictures

url originale



 

I nostri partner - Our Partners:


TEV S.r.l.

TEV S.r.l.: hosting

www.tev.it

Progetto Niz

niz: news management

www.niz.it

Digitbrand

digitbrand: ".it" domains

www.digitbrand.com

Worlwide Mirror Web-Sites:
www.uruknet.info (Main)
www.uruknet.com
www.uruknet.net
www.uruknet.org
www.uruknet.us (USA)
www.uruknet.su (Soviet Union)
www.uruknet.ru (Russia)
www.uruknet.it (Association)
www.uruknet.web.at.it
www.uruknet.biz
www.uruknet.mobi (For Mobile Phones)
www.uruknet.org.uk (UK)
www.uruknet.de (Germany)
www.uruknet.ir (Iran)
www.uruknet.eu (Europe)
wap.uruknet.info (For Mobile Phones)
rss.uruknet.info (For Rss Feeds)
www.uruknet.tel

Vat Number: IT-97475000150